Inviateci il vostro materiale

Questo è un blog aperto e saremo ben contenti di pubblicare il materiale che ci invierete. Seguite le istruzioni della pagina contatti.....

martedì 3 aprile 2012

Whisky bar - poesia di Giuseppe Cataldi


Tutta vita stasera, ar whisky bar, gnente me lo leva dalla testa ,
tre vorte j’ha cambiato nome ma per me, sempre quello resta.
Oggi ha cambiato la vecchia pelle marmi neri ma la stessa disposizione
e sur bancone, bignè e dorci fini. La ggente ch’è venuta nun è la stessa
anche l’amici non sembreno quelli de sempre tutti eleganti e cor collo dritto.

E poi c’è stato un viavai de poliziotti perché un bar che se rispetti
tanti ne deve avè de quell’amici pe’ nun fa li botti.
Mamme fratelli bambini tutt’a vedè lustrini ed un faro alogeno che illumina li vini,
ogni tanto qualche turista se ferma se fa la solita sciroppata de gelati da cartellone
nun decide gnente e capisce che stasera nun è cosa loro è na cosa familiare
fra molti intimi, tutti invitati.

Fori timorosa la storpietta che poiè n’omo e manco checca
dice a tutti “ se vedemo da Gennaro!” sbaciucchia le femmine che je passeno a tiro,
s’arrabatta e s’enchioda sulla transenna che la strada na vorta
era percossa dall’auti tutti de corsa. Se vedemo da Gennaro! poi s’allontana.
Tre bulli je dicono “a storpia!” lei se ggira e sorridendo:
siete tutti stronzi e più stronzo è quello ch’ha parlato”, se vedemo da Gennaro,
mo’ nonc’ho più fiato. E quando esce la padrona dar whisky bar, Sora Rosa der bar affianco je fa l’occhietto nun so’ invidiosi, c’è posto per tutti nun so permalosi. Sora Rosa se mette in pizzo alle sedie ammontate sgambetta e sorride a ciascheduno anche Lei c’ha l’amici in polizia tutto tranquillo e così sia.
Ormai è sera e la ggiornata è stata certamente bene inaugurata
bella ggente, qualche mignotta ma nun se vedeva gnente.
Tanti pischelli, a qualcheduno che scherzava colle mano er padrone oggi
s’è concesso un po’ de meno j’ha detto oggi è l’inaugurazione
nun me vojo sporcà e giù un pizzone.

Nun scenne mai la notte a whisky bar ah se chiama Rizzo che razza de nome
a’n bar de rispetto!
Fori non c’è più nisuno solo le macchine e contro la transenna
le fije della padrona e’ na mora cor bimbo in braccio ma dorme ancora.

Bacetti ar pupo,! A quer comanno tutti a cerca’ la guancetta tonda,
la mamma che lo tiene se becca anche lei qualche strusciata,
ma tutto è a posto, semo in famija, è l’innocenza de li cervelli semplici
il sesso, i figli so la stessa cosa, nun fanno pensà……. sempre alla spesa!



1 commento:

  1. Er sor Cataldi chitara a tracolla /si puro nun canta je l'ammolla

    RispondiElimina